Ho notato che anche chi crede che tutto sia predestinato e che non si possa fare nulla per cambiarlo, guarda prima di attraversare la strada Stephen Hawking, fisico, matematico e cosmologo britannico

Emergenza sbarchi: l’Austria porta i militari al Brennero

  • Emergenza sbarchi: l’Austria porta i militari al Brennero

  • 4 luglio 2017 da 0 Commenti

Su impulso dell’attuale ministro degli esteri e leader della ÖVP Sebastian Kurz, in questi giorni l’Austria ha deciso di presidiare il passo del Brennero con 750 militari se il flusso dei migranti dall’Italia non diminuirà. “Le mosse del Governo austriaco con Kurz e il suo ministro socialista alla difesa Doskozil fanno comprendere lo stato d’emergenza al quale si è arrivati oggi con la questione sbarchi” – commenta Michele Bella, Obmann del Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo – Freiheitliche – “Il dispiegamento dell’esercito al Brennero, riproposto dopo i fatti del 2016, non è che una ferma risposta di Vienna al lassismo della politica italiana e alla sua incapacità di fermare l’illegale flusso di migranti per la maggior parte economici e pertanto senza alcun diritto all’asilo politico”.

Nel frattempo, al Brennero, sono stati già portati quattro mezzi corazzati Pandur dell’esercito austriaco. “Le intenzioni del Governo austriaco, del resto, sono del tutto comprensibili: a Roma si riscontra un vero e proprio caos nella gestione dei flussi di migranti provenienti dalle coste africane. La strada da seguire è chiara ed è quella che è stata adottata nell’Europa orientale: la cosiddetta ‘via dei Balcani’ è stata chiusa completamente grazie ad una serie di misure di controllo e difesa dei confini esterni dell’Unione Europea che hanno visto la cooperazione di tutti gli Stati interessati. Se non si provvederà al più presto a spostare i presidi sulle coste africane bloccando totalmente il traffico marittimo dei barconi rivolto alle coste europee, l’Italia e – purtroppo – anche la nostra Regione si vedranno sempre più escludere dall’Unione Europea: rischiamo l’isolamento e un perenne afflusso di migranti economici, con tutte le problematiche del caso”, così conclude Michele Bella, Obmann del Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo – Freiheitliche.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>