Ho notato che anche chi crede che tutto sia predestinato e che non si possa fare nulla per cambiarlo, guarda prima di attraversare la strada Stephen Hawking, fisico, matematico e cosmologo britannico

Il GECT Euregio? Solo un’istituzione di facciata

  • Il GECT Euregio? Solo un’istituzione di facciata

  • 16 settembre 2016 da 0 Commenti

«L’Euregio traballa»; questo è il titolo utilizzato da l’Adige la settimana scorsa per riportare i fatti accaduti e pubblicati dalla Tiroler Tageszeitung in merito alla riunione del Land Tirolo nella quale gli Assessori della Giunta nordtirolese hanno fatto notare al Governatore Günther Platter che l’istituzione del ‘GECT’ (il Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale) non è indispensabile per potenziare i rapporti di collaborazione tra le tre province. in aggiunta a ciò, in quella sede sono state avanzate anche critiche alla presidenza trentina colpevole di «aver fatto troppo poco». “Il punto di vista della Giunta nordtirolese in merito al GECT è più che comprensibile e trova perfetta corrispondenza con le nostre considerazioni già più volte espresse nei precedenti interventi”, è il commento di Marco Omenigrandi Grossmann, Obmann del Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo – Freiheitliche.

“Dalla gestione dei flussi migratori al potenziamento dei controlli presso il Brennero fino al ruolo della sede di rappresentanza comune a Bruxelles con i suoi grossi limiti istituzionali: i tre territori continuano a non trovare la coesione e il peso politico che permetterebbe loro di superare i vincoli imposti dagli Stati, un vero passo in avanti che renderebbe inutile il coordinamento tramite un ufficio comune. D’altra parte, le critiche mosse alla presidenza provinciale lasciano intendere anche un certo disinteresse e disaffezione della politica locale nei confronti di quest’istituzione: è palese che da noi si preferisce considerare l’Euregio come un’istituzione di facciata con lo scopo di illudere una parte di elettorato costituito da autonomisti nostalgici che inseguono ciecamente qualsiasi cosa ricordi il Tirolo storico senza interrogarsi seriamente sui possibili e futuri scenari politici.

Il Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo – Freiheitliche, pur rimanendo orgogliosamente attaccato a quel tessuto culturale che lega da secoli le nostre tre province dell’Euroregione, crede che quest’istituzione così com’è sia inutile, manca infatti la reale volontà di dargli un’importanza politica che possa permettere ai tre Land di interfacciarsi direttamente con Bruxelles a prescindere dalle decisioni dei rispettivi Stati di appartenenza. A questo punto, piuttosto che trascinarci dietro l’ennesimo carrozzone politico incapace di dare risposte ai cittadini, è forse meglio ricercare altre forme istituzionali che ci possano permettere di decidere realmente sul futuro della nostra Terra”, così conclude Marco Omenigrandi Grossmann, Obmann del Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo – Freiheitliche.




Alt-Obmann del Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo - Freiheitliche


Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>