Ho notato che anche chi crede che tutto sia predestinato e che non si possa fare nulla per cambiarlo, guarda prima di attraversare la strada Stephen Hawking, fisico, matematico e cosmologo britannico

Report sull’economia regionale: il divario con Bolzano è immenso

  • Report sull’economia regionale: il divario con Bolzano è immenso

  • 15 giugno 2017 da 0 Commenti

Da poco è stato pubblicato il nuovo report della Banca d’Italia sull’economia regionale nell’anno 2016, uno studio in cui si delinea un chiaro divario tra le due province. “I dati che si possono trarre da questo dossier sono impressionanti” – commenta Michele Bella, Obmann del Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo – Freiheitliche – “Infatti, nell’arco di periodo che va dal 2007 al 2015 il PIL trentino ha visto un calo del -2,4%, mentre a Bolzano il PIL ha avuto una crescita di ben il +7,6%: due fenomeni completamente diversi”.

“Tra noi e il Sudtirolo, in questi ultimi anni, si è creato un divario economico a dir poco preoccupante che può essere quantificato in una differenza di 2 miliardi di euro. A pesare maggiormente nella recessione della provincia sono i settori dell’industria e delle costruzioni, che – al contrario che in Sudtirolo – sono ancora in piena recessione nonostante la crisi perduri ormai da quasi un decennio.

Dall’analisi del report è chiaro che a farsi sentire, per le nostre imprese, sono i pochi investimenti e le difficoltà di aprirsi a nuovi mercati, puntando su un export diversificato e cercando di diminuire l’importanza del mercato italiano. Se non fosse per il settore turistico – pur sempre assai lontano dai dati di Bolzano – il PIL trentino sarebbe ancor più da profondo rosso. Di fronte al quadro dell’economia attuale – alla quale vanno aggiunte altre problematicità come quelle legate al mondo del credito – è anche evidente come la Giunta provinciale avrebbe potuto fare di più, ad iniziare da un allentamento dei vincoli burocratici (in sé dei costi) che condizionano fortemente il fare impresa. È necessario dare nuova vitalità al tessuto industriale e artigianale trentino che pesa pressoché ¼ dell’intero prodotto interno lordo della provincia”, così conclude Michele Bella, Obmann del Movimento Nuovo Trentino Nuovo Tirolo – Freiheitliche.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>